Sostegno all'individuo, al minore, alla famiglia
Seguici su Facebook

Corsi ed Eventi

Corso per tutot dell’apprendimento esperto nei DSA e BES

Tutor dell’apprendimento esperto nei DSA e BES

Il corso per diventare tutor dell’apprendimento esperto nei DSA e BES ha carattere teorico-pratico. La parte teorica è incentrata sugli aspetti clinici delle difficoltà/disturbo di apprendimento con le conseguenti ricadute nelle abilità scolastiche; le esercitazioni pratiche sono mirate ad acquisire e utilizzare gli strumenti caratteristici dell’attività del tutor.

La funzione del tutor dell’apprendimento è quella di seguire i bambini e i ragazzi con disturbi specifici dell’apprendimento e/o BES, promuovendone la crescita dal punto di vista dell’autonomia, della partecipazione e dell’inclusione in classe. L’uso di metodologie didattiche attive, tecnologie informatiche e strategie psicoeducative sono funzionali a tali obiettivi.

Materiali

Dispense, schede valutative, schede per l’intervento, programmi per pc, applicazioni, registrazioni video e audio.

Destinatari

Il corso è aperto a tutti coloro che lavorano o desiderano lavorare nell’ambito dell’apprendimento: pedagogisti,psicopedagogisti, insegnanti, AEC, educatori professionali, psicologi e psicoterapeuti, laureandi in psicologia e/o specializzandi in psicoterapia, logopedisti, ed altre figure professionali che a diverso titolo lavorano in questo campo.

Obiettivi formativi

  • Individuare eventuali difficoltà nelle abilità scolastiche (lettura, scrittura, calcolo, comprensione del testo scritto) attraverso i principali strumenti di screening. Progettare un intervento di tutoring atto a rispondere ai bisogni educativi e didattici dei bambini.
  • Utilizzare tutti gli strumenti utili al lavoro del tutor (mappe, app, software, schede, tabelle, ecc.).
  • Conoscere le normative in materia di DSA e BES.
  • Saper interpretare una diagnosi e organizzare un Piano Didattico Personalizzato (PDP).
  • Facilitare e sostenere l’apprendimento dello studente nelle attività di studio.
  • Saper dialogare con la scuola, la famiglia e i diversi professionisti che lavorano con i minori presi in carico.
  • Attività di screening e intervento mirato nelle scuole.
  • Sostegno individuale nello studio.
  • Progettazione di doposcuola specialistici sui DSA e altri disturbi che ricadono sugli apprendimenti.
  • Fornire supporto e assistenza alla comunicazione, all’inclusione e all’autonomia dei bambini con Bisogni Educativi.
  • Speciali (BES).
  • Saper individuare e gestire alcune dinamiche presenti nel rapporto scuola-famiglia.

È previsto un esame di fine corso composto da una prova scritta e una orale (facoltativa solo per coloro che.supereranno lo scritto con una votazione di 20/30) con rilascio di attestato di “Tutor dell’apprendimento esperto nei DSA e BES”.

Programma didattico

Prima giornata: dalle 9,30 alle 13,00

  • Introduzione ai BES: dal concetto di apprendimento a quello di bisogno
  • Punti salienti degli aspetti legislativi e normativi su BES, DSA e disabilità
  • I Disturbi Specifici dell’apprendimento alla luce del manuale di classificazione nosografica, ICD 10 e DSM 5; caratteristiche evolutive del disturbo, inquadramento diagnostico, comorbilità e diagnosi differenziale con altri disturbi del neurosviluppo, stili di apprendimento e stili cognitivi

dalle 14,00 alle 18,00

  • I Disturbi Specifici dell’apprendimento alla luce del manuale di classificazione nosografica, ICD 10 e DSM 5; caratteristiche evolutive del disturbo, inquadramento diagnostico, comorbilità e diagnosi differenziale con altri disturbi del neuro sviluppo.

Seconda giornata: dalle 9,00 alle 13,00

  • Stili di apprendimento e stili cognitivi
  • Presentazione del materiale valutativo (I livello) e osservativo ad uso scolastico.
  • Screening sulle abilità di lettura (rapidità e correttezza) e comprensione del testo: prove MT di lettura e comprensione (Cornoldi e Colpo 1998) per la scuola primaria e secondaria di primo grado.
  • Screening sulle abilità di calcolo e logico-matematiche: prove AC-MT 6-11 e 11-14 anni di Cornoldi.

dalle 14,00 – 18,00

  • Esercitazioni di gruppo e interpretazione dei criteri ottenuti dalle prove di screening.

Terza giornata: dalle 9,00 alle 13,00

Le Funzioni Esecutive

  • Le funzioni esecutive: modelli neuropsicologici, valutazione ed intervento.
  • Interventi a sostegno dello sviluppo delle funzioni esecutive nei bambini dai 4 ai 12 anni.

Dalle 14,00 alle 18,00

  • Esercitazioni pratiche sulle funzioni esecutive.

Quarta giornata: 9,00 – 13,00

Panoramica sui principali quadri clinici nell’età evolutiva e il lavoro del tutor dell’apprendimento

  • Altri quadri clinici che comportano ricadute sull’apprendimento: disturbi dello spettro autistico, disabilità intellettiva, disturbi emotivi, disturbo oppositivo provocatorio, disturbi dirompenti dell’umore.
  • L’impatto sulla famiglia, le difficoltà relazionali nel gruppo dei pari all’interno e all’esterno del gruppo classe.
  • Il lavoro del Tutor per l’apprendimento con i bambini che presentano quadri clinici che compromettono gli apprendimenti.

Quarta giornata: 14,00 – 18,00

Ad ogni bambino, o ragazzo, il suo metodo di studio

  • Le criticità più frequenti nel lavoro con i bambini e con il loro contesto: riconoscerle, affrontarle e superarle.
  • Lo studio efficace: i metodi di studio più validi per studiare a casa e in classe durante le spiegazioni, l’importanza di adottare il giusto metodo di studio, come strutturare un metodo di studio in base alle difficoltà del bambino.
  • Aiutare il bambino a percepire le capacità prima delle incapacità

Quinta giornata: 9,00 – 13,00

Strumenti di lavoro

  • Intervento di homework tutoring: strumenti di lavoro a disposizione del tutor.
  • Dall’organizzazione spazio-temporale dei compiti e dei materiali alle strategie per favorire l’autocontrollo attentivo e cognitivo.
  • Il cooperative learning.
  • Il tutoraggio tra bambini nel doposcuola (e in classe).
  • Strumenti per acquisire un autonomia scolastica.
  • Strumenti compensativi: quali sono i più adeguati alle elementari, alle medie, alle superiori e all’università.

14,00 – 18,00

Il PEP

  • Il PEP: uno strumento utile per personalizzare i percorsi educativi degli studenti: Per quali quadri clinici si redige il PEP? Chi deve redigere il PEP? PEP e PDP sono similari?  Si possono utilizzare PEP e PDP insieme? Quali sono gli elementi salienti del PEP? Compensare e dispensare.

Sesta giornata: 9,00 – 13,00/14,00 – 18,00

  • Il supporto emotivo-relazionale del tutor al bambino con difficoltà: come sostenere l’autostima, comprendere gli stili attribuitivi, sviluppare l’autoefficacia, aumentare la motivazione allo studio e all’interazione sociale.
  • Intervenire sulla Metacognizione.
  • Prevenire e/o intervenire sul fenomeno della dispersione scolastica.
  • Esercitazione e presentazione di casi clinici.

Solo per gli psicologi: presentazione di strumenti per la diagnosi: delle funzioni esecutive, difficoltà attentive e delle abilità cognitive:

  • CPM – colourate progressive matrices.
  • PM – progressive matrices.
  • TOL – Tower of London per la valutazione delle strategie di pianificazione e problem solving.
  • L’uso delle check list.
  • BIA – Batteria Italiana per la valutazione della disattenzione e dell’iperattività.
  • Valutare le competenze sociali.
  • Si presenteranno anche altri strumenti utili alla rilevazione delle difficoltà.


Associazione Promo Civitas

Via Romana, 47 G Nettuno RM 00048
Tel. 06 9806626
promocivitas@gmail.com
Orari: Lun. - Ven.: 10 - 13 e 16 - 19

Seguici su Facebook

Contattaci




Autorizzo il Trattamento dei Dati personali ai sensi del D.lgs. n. 196/2003